Migranti, giovani, precari, ambiente|lunedì, maggio 20, 2019
Ti trovi qui: Home » Dal Territorio » A Pozzallo per un nuovo Umanesimo: una giornata di attività per l’integrazione

    A Pozzallo per un nuovo Umanesimo: una giornata di attività per l’integrazione 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    DSC_0792A Pozzallo per un nuovo Umanesimo

     

     

    DSC_0728Il 26 gennaio, alla vigilia della Giornata della Memoria, il Comitato Restiamo Umani ha dedicato ai ragazzi del CPSA di Pozzallo un momento di gioiosa convivenza.

    L’evento, promosso da Libera e organizzato di concerto con le realtà dell’associazionismo locale, si è svolto all’insegna dell’integrazione presso il piazzale esterno del Centro. Si sono susseguiti momenti di musica, danza, animazione, intermezzati da quelli di Memoria collettiva per l’imminente ricorrenza del 27. Un modo questo, per fornire ai ragazzi del Centro un diversivo alla quotidiana monotonia che li relega al CPSA e per dare concretamente seguito alla manifestazione di solidarietà con la quale, nel novembre 2013, circa 1000 persone hanno democraticamente risposto al becero razzismo forzanovista.

     

    Il Comitato Restiamo Umani ha avviato in questi mesi delle iniziative di supporto socio-linguistico presso il Caffè Letterario “Rino Giuffrida” diDSC_0820 Pozzallo, dove i ragazzi immigrati trovano volontari che, secondo le proprie possibilità, si dedicano loro in un’ottica di reciproco arricchimento.

    Trattasi di mezzi che esaltano la solidarietà e la fratellanza quali valori universali in una società, caratterizzata spesso da individualismo e diffidenza. Se non altro, queste iniziative concorrono a smorzare l’atmosfera colma di intolleranza che si respirava in città qualche mese fa.

     

    Il fine del Comitato, DSC_0749“contenitore” di diverse associazioni, è quello di promuovere gli ideali pacifisti sintetizzati in quelle due parole con cui Vittorio Arrigoni (giornalista italiano che dedicò la sua vita all’attivismo pacifista) concludeva ogni articolo: RESTIAMO UMANI (STAY HUMAN).

     

    Alla vigilia del 27 gennaio, in cui si commemora la Shoah, quelle due parole non possono che fungere da bussola per non ricadere nella “banalità del male” dei totalitarismi… per un nuovo Umanesimo.

     

     

     

    Foto e articolo di Giovanni Modica Scala

    Aggiungi commento