Migranti, giovani, precari, ambiente|sabato, Ottobre 31, 2020
Ti trovi qui: Home » Dal Territorio » Porto di Marina di Ragusa: la mano della Stidda

    Porto di Marina di Ragusa: la mano della Stidda 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Come tante cose belle e affascinanti che hanno in sé qualcosa di nocivo e pericoloso, come una rosa rossa ha le sue spine, ci sono molte opere che se da una parte sembrano dare lustro alle nostre città, dall’altra si possono rivelare “difettose”.  Alla fine, non ci vuole molto per macchiare qualcosa, per sporcare anche solo l’idea che quella cosa sia “bellissima”. Basta poco, basta, a volte, una notizia.
    E’ notizia di ieri che qualcosa di strano sembra essere accaduto al porto turistico di Marina di Ragusa, o meglio, stando alle indagini e alle operazioni dei Carabinieri, al titolare di un’impresa che era impegnata nella costruzione del porto. Il porto di Marina di Ragusa, motivo di grande vanto per l’amministrazione dell’ex sindaco Dipasquale e vero e proprio trampolino di lancio per l’economia ragusana, sembra aver avuto dei trascorsi  un po’ turbolenti.

    Ieri i Carabinieri hanno notificato in carcere, come si legge dal comunicato, “a 3 appartenenti alla “STIDDA” (organizzazione siciliana contrapposta a COSA NOSTRA e molto agguerrita nell’area Iblea) un provvedimento di “avviso di chiusura delle indagini”, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, per il reato di estorsione aggravata dall’aver agito con modalità mafiosa al fine di agevolare la mafia di Vittoria (RG)”.

    La Stidda, per chi non lo sapesse, è un’organizzazione mafiosa antagonista di Cosa Nostra, prevalente nella Sicilia centrale e in quella meridionale. La Stidda ha allungato le sue inquietanti mani in diversi territori dell’isola, compresa la provincia di Ragusa, spesso in modo troppo superficiale ritenuta “tranquilla”. Ma, in effetti, tutta questa tranquillità non sembra esserci. Nel recente passato si possono ricordare alcuni episodi legati all’avanzata stiddara nella provincia iblea, come gli arresti datati ottobre 2012, nell’ambito dell’operazione Chimera.

    In questo caso, gli stiddari avrebbero chiesto un pizzo di circa 80mila euro (si parla anche solo di 50mila euro; noi ci siamo attenuti al comunicato dei Carabinieri, ndr) al titolare di questa ditta per la costruzione del porto. La ditta in questione pare fosse già sotto l’ala protettiva della Cosa Nostra catanese, ragion per cui i Carabinieri hanno accertato il fatto che i due clan, quello catanese e quello vittoriese, avessero contrattato su chi aveva effettivamente il diritto di estorcere il denaro. I fatti in questione risalgono al 2007.
    Stidda e Cosa Nostra, insomma, sarebbero coinvolti nella costruzione del porto di Marina di Ragusa.

    Attilio Occhipinti

    About the author: attilio occhipinti

    Nato a Ragusa nel 1989, sono laureto in Filosofia presso la Facoltà degli studi di Catania e in Comunicazione e Cultura dei Media all'Università degli studi di Torino. Dall’aprile 2011 scrivo su Generazione Zero, all’interno del quale ho ricoperto la carica di direttore editoriale dall'agosto 2013 fino a settembre 2014. Per circa un anno sono stato il responsabile delle risorse umane, ruolo che mi ha permesso di coordinare i rapporti tra gli autori e i collaboratori. Mi sono occupato di diversi temi curato nei miei articoli, dall'ambiente, alla politica, passando per i tanti problemi che affliggono gli studenti, i precari e gli immigrati. I miei articoli sono apparsi su I Siciliani giovani, rivista mensile di antimafia, mentre in passato ho collaborato con il mensile d’inchiesta Il Clandestino con permesso di soggiorno. Dal 2016 coordino le attività di ufficio stampa dell'Associazione Generazione Zero.

    In risposta a Porto di Marina di Ragusa: la mano della Stidda

    1. Pingback: "TERRA, SOLCHI DI VERITÀ E DI GIUSTIZIA"- Ragusa ricorda le vittime di mafia | Generazionezero.org

    Aggiungi commento