Migranti, giovani, precari, ambiente|domenica, Marzo 7, 2021
Ti trovi qui: Home » La montagna di merda » “Io comunque vado avanti”: le parole di Salvo Grasso

    “Io comunque vado avanti”: le parole di Salvo Grasso 

    Tempo di lettura: 2 minutiIeri pomeriggio intorno alle ore 18 la macchina del presidente del consiglio comunale di Palagonia (CT), Salvo Grasso, è stata incendiata. Un atto intimidatorio che lascia poco spazio alle interpretazioni.
    Abbiamo sentito al telefono il presidente Grasso: «Io mi trovavo in consiglio comunale quando mi è arrivata la chiamata di mia madre. Ho pensato si trattasse di un incidente o anche di un corto circuito. Poi le autorità competenti mi hanno informato riguardo al ritrovamento all’interno della macchina di una bottiglia, che è stata utilizzata, sicuramente, per incendiare la macchina stessa. L’auto poteva pure esplodere, per fortuna non è andata così».
    La voce di Salvo Grasso al telefono è ferma, decisa: «Ieri ero un po’ sconvolto, ma adesso mi sento più tranquillo. Potrebbe essere una minaccia di stampo mafioso, potrebbe essere qualsiasi cosa. Io comunque vado avanti».
    Un atto che intimorisce, che fa paura, certo, ma che paradossalmente indica quanta strada sia stata fatta da Salvo Grasso, dal sindaco Valerio Marletta e da tutta la giunta comunale di Palagonia.
    A volte la prova di un buon lavoro viene fuori dalle minacce che si ricevono. Una storia vecchia.
    Questo è uno di quegli episodi che ci riempie il cuore di tristezza. Ci si può lasciare alle spalle tanto, momenti brutti, pessimi ricordi. Forse si possono perfino chiudere gli occhi in certe occasioni. Ma oggi è uno di quei giorni in cui riflettere un po’ non farebbe male.

    A Salvo Grasso va la nostra solidarietà e l’augurio di un buon lavoro che possa illuminare il 2013 di Palagonia.

     

    Attilio Occhipinti

     

     

     

     

    About the author: attilio occhipinti

    Nato a Ragusa nel 1989, sono laureto in Filosofia presso la Facoltà degli studi di Catania e in Comunicazione e Cultura dei Media all'Università degli studi di Torino. Dall’aprile 2011 scrivo su Generazione Zero, all’interno del quale ho ricoperto la carica di direttore editoriale dall'agosto 2013 fino a settembre 2014. Per circa un anno sono stato il responsabile delle risorse umane, ruolo che mi ha permesso di coordinare i rapporti tra gli autori e i collaboratori. Mi sono occupato di diversi temi curato nei miei articoli, dall'ambiente, alla politica, passando per i tanti problemi che affliggono gli studenti, i precari e gli immigrati. I miei articoli sono apparsi su I Siciliani giovani, rivista mensile di antimafia, mentre in passato ho collaborato con il mensile d’inchiesta Il Clandestino con permesso di soggiorno. Dal 2016 coordino le attività di ufficio stampa dell'Associazione Generazione Zero.

    In risposta a “Io comunque vado avanti”: le parole di Salvo Grasso

    1. Pingback: Palagonia alza la testa | Generazionezero.org

    Aggiungi commento