Migranti, giovani, precari, ambiente|martedì, dicembre 18, 2018
Ti trovi qui: Home » Agitarsi, organizzarsi, studiare! » Ragusa sotto i rifiuti: una mappa interattiva

    Ragusa sotto i rifiuti: una mappa interattiva 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Masse di rifiuti, abbandonati ai bordi delle strade o nelle campagne della parte occiden­tale della provincia, accompa­gnano il nostro viaggio. Ab­biamo già percorso più di 160 km e fotografato diversi siti in cui, per noncuranza o forse per tradizione, si accumulano da anni masse informi di rifiu­ti di ogni tipo.

    Quattordici sono i siti che ab­biamo raggiunto. In città ab­biamo trovato discariche abu­sive nelle campagne alle spalle del Centro commerciale “Ibleo”, nella zona dell’ex Par­co Agricolo (forse la più importante, dove abbiamo trovato frigoriferi, inerti, recipienti di cemento amianto, parti di carrozzeria di un’auto, copertoni e carburatori), ed alle spalle dello stadio comunale “Aldo Campo”, in contrada Selvaggio. Cumuli di spazzatura, soprattutto rifiuti solidi urbani, poi, sono sparsi in diversi punti della città, evidenziando, da un lato, l’inciviltà di diversi cittadini, dall’altro, la mancanza di controllo da parte degli enti preposti che si protrae da anni (il primo reportage che la nostra redazione ha realizzato sui rifiuti in città risale al 2011).
    Fuori città, significativi i siti sia di contrada Cifali, dove poco tempo prima del nostro arrivo era persino scoppiato un incendio che aveva bruciato un breve tratto del costone che fiancheggia la carreggiata, in cui, oltre ai rifiuti solidi urbani erano presenti frigoriferi e coperture in eternit; sia di contrada Macconi, in cui, a bordo di strade dissestate e piene di sabbia, abbiamo trovato materiali di scarto della lavorazione in serra (le cosiddette dune di plastica), rifiuti solidi urbani e inerti; sia a Kamarina: un’infinita serie di sacchi di immondizia, frigoriferi e materiale di scarto della lavorazione in serra ci accompagnano lungo una stradina secondaria, a pochi metri dall’ingresso del parco archeologico.

    La mappa dei siti delle discari­che abusive (con tutte le foto che abbiamo scattato) è oggi consultabile qui.

    Simone Lo Presti

    About the author: Simone Lo Presti

    Sono nato a Ragusa il 12 Ottobre 1993. Dopo aver conseguito la Maturità Classica nel luglio del 2012 presso il Liceo Classico "Umberto I" della mia città, mi sono iscritto al Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Catania, dove tutt'ora studio. Nel corso della mia carriera scolastica ho vinto 2 volte il premio "Nicholas Green" (2004 e 2011) a livello regionale. Ho iniziato a scrivere per Generazione Zero nell'aprile del 2011, insieme ad un gruppo di amici, spinto dal coraggio di guardare il mio territorio con occhi curiosi mai paghi delle belle parole, ma desiderosi di osservare i fatti. Oggi rivesto il ruolo di Redattore del giornale e di Responsabile Eventi dell'associazione.

    Aggiungi commento