Migranti, giovani, precari, ambiente|mercoledì, Ottobre 28, 2020
Ti trovi qui: Home » L'Europa siamo noi » Lista Tsipras, è già la fine?

    Lista Tsipras, è già la fine? 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    A dieci giorni dalle elezioni, dopo il risicato ma onesto 4,03% che ha permesso alla lista L’altra Europa con Tsipras di entrare nel Parlamento europeo, con tre rappresentanti, gli animi all’interno del movimento non sembrano essersi calmati. O, forse, non lo sono mai stati. Basti ricordare gli iniziali ritiri “d’eccellenza” di Camilleri e Flores D’arcais, o l’abbandono del progetto politico da parte dei Comunisti Italiani, a causa delle incomprensioni sui propri candidati. Ad elezioni avvenute, i problemi che affliggono la neonata lista sono ben altri, uno fra tutti, scegliere con chi stare. Già, perché rimarcando la secolare tradizione della sinistra, è ritornato lo spauracchio di “chi è più comunista di chi” o sarebbe meglio dire, in questo caso, chi è meno comunista di chi, essendo questa volta un problema tutto interno alla dirigenza di Sel. A far esplodere il caso, Gennaro Migliore, responsabile agli esteri all’interno del Partito di Vendola e capogruppo alla camera dei deputati che qualche giorno fa ha definito un “errore” la partecipazione di Sel al Gue (la sinistra europea) indicando il Pse come il naturale alleato di Sel. I tentativi di “fare pace” con i democratici arrivano anche da Vendola che, dopo una serie di dichiarazioni poco chiare in questi giorni, ha finalmente definito la propria posizione, dopo l’incontro a Bruxelles con Alexis Tsipras e Martin Schulz: «Per noi è fon­da­men­tale il patto fatto con Tsi­pras, ed è molto impor­tante che in Ue ci sia una sini­stra capace di rin­no­varsi e di incal­zare il par­tito del socia­li­smo euro­peo per costruire un fronte largo con­tro l’austerity. Dif­fi­cile imma­gi­nare che chi è stato eletto con l’Altra Europa per Tsi­pras possa mili­tare nel gruppo Socia­li­sti e demo­cra­tici». Della stessa opinione è il coordinatore nazionale di Sinistra ecologia e libertà, Fratoianni, esponente dell’ala sinistra del Partito, che nei giorni scorsi si era duramente opposto a Migliore. Dure parole sono invece state scagliate da Claudio Fava, fondatore assieme a Vendola, nel 2009 di Sel, creata da una costola di Rifondazione: «Una scelta grave, un cam­bio di rotta irre­spon­sa­bile, mai discusso nel par­tito, che muta pro­fon­da­mente la natura di Sel, Ven­dola ha par­lato a titolo per­so­nale».

    E la Spinelli?

    Le polemiche all’interno della lista, non si fermano però qui. Già da qualche giorno infatti circola la notizia del “ripensamento” di Barbara Spinelli di entrare all’interno del Parlamento Europeo. L’editorialista dell’Espresso, infatti, candidata capolista in tutte le circoscrizioni, aveva dichiarato prima delle elezioni di non voler, se fosse stata eletta, entrare all’interno del Parlamento, ma di essere candidata capolista “per metterci la faccia” e solo per creare un “gancio di traino per gli elettori”.
    Spinelli ha dichiarato, inoltre, di aver ricevuto esortazioni e pressioni dagli stessi elettori e da Alexis Tsipras, che la vorrebbe proporre come vicepresidente del parlamento: «Capi­sco che ciò che ti chiedo forse vada oltre i tuoi pro­getti per­so­nali, e tut­ta­via sono costretto a chie­der­telo, con­si­de­rando il tuo ruolo for­te­mente garante per la con­ti­nua­zione del progetto».

    Sebastiano Cugnata

    About the author: Sebastiano Cugnata

    Sono nato a Ragusa il 23 Luglio 1992. Ho conseguito la laurea in Filosofia all'Università di Catania. Nel dicembre del 2011 ho avuto l'opportunità di far parte della redazione di Generazione Zero.

    Aggiungi commento