Migranti, giovani, precari, ambiente|sabato, Ottobre 24, 2020
Ti trovi qui: Home » Dal Territorio » Catania » Il GAPA espone i problemi di Catania al presidente Laura Boldrini

    Il GAPA espone i problemi di Catania al presidente Laura Boldrini 

    Tempo di lettura: 4 minuti

    L’intervento che segue è quello che il Gapa ha esposto durante l’assemblea del 19 ottobre nella scuola “DUSMET DORIA”, alla presenza della presidente Laura Boldrini.

    Oltre a denunciare la sua mancata visita tra le strade e le piazze del quartiere e l’incontro con i suoi abitanti, che la stessa presidente ha ammesso che le è stato impedito dagli apparati della sicurezza, l’intervento denuncia anche l’assenza delle amministrazioni comunali negli ultimi decenni, che scientemente hanno abbandonato i quartieri popolari del centro storico e delle periferie.

    Il quotidiano cittadino lo ha definito “ruvido”, secondo noi non è così! Abbiamo semplicemente esercitato il nostro diritto di critica verso le istituzioni che con la loro assenza provocano le tante ingiustizie sociali, consegnando i quartieri alle mafie.

    Intervento GAPA

    L’intervento che mi accingo a tenere non è solo a nome dell’Associazione Gapa ma delle tante persone che vivono il quartiere di San Cristoforo, voci e vite spesso silenziose. Speravamo di tenere questo intervento non all’interno di quattro mura, ma fuori all’esterno tra le vie degradate, tra gli artigiani tra i bambini che corrono per le strade, tra stalle abusive di cavalli, tra persone che dopo poche ore cominceranno a spacciare, tra giovani madri che portano tra le braccia il primo figlio e tante responsabilità. Pensiamo che il suono delle parole si dimentica, ma non si dimentica ciò che si conosce con i propri occhi. Cosa abbia impedito alla sicurezza di consentirLe la visita a noi poco importa, il nostro non è un rimprovero, ci mancherebbe ma mi porta a delle conclusioni:

    Se un Presidente della Camera non può camminare per le vie di un quartiere vicino al centro storico di una città siciliana, allora significa che non siamo liberi.

    Se una presidente della Camera non può vedere le strade e le piazze abbandonate dalle istituzioni e consegnate alla mafia, e non può incontrare, le donne, gli uomini e i tanti ragazzini e ragazzine che vivono in queste strade e piazze, allora quel quartiere non è Italia.

    Se un Presidente della Camera non può vedere con i propri occhi il degrado e l’infelicità di cittadini italiani, allora quel quartiere continuerà a sentirsi abbandonato e accoglierà altre forme di controllo, altre forme di welfare, altre forme di legalità.

    Una legalità diversa da come la sentono gli italiani. Una legalità chiamata Mafia!

    una legalità che non  garantisce diritti ma impone sottomissione; che offre l’illusione dell’avere, per poi privare l’uomo e la donna di tutto ciò che li rende tali; che decide quanto devi guadagnare al mese, che ti consente di sopravvivere, di mangiare ma che ti lascia nella condizione di dover sempre chiedere;

    una legalità che ti toglie il diritto di voto; che ti toglie il rispetto per te stesso; che fa spacciare i bambini a 13 anni invece di mandarli a scuola e che fa pascolare cavalli dopati accanto a bambini che giocano in una piazza.

    La nostra volontà era quella di mostrarle questa legalità, quel senso dello Stato che la Mafia possiede, perché qui, nei quartieri, i mafiosi passeggiano e non hanno bisogno di scorte e cerimonieri. Qui nei quartieri la mafia è Stato. La sua mancata visita, come quella delle istituzioni, da ieri fino a oggi, sembra quella di un parente partito tanto tempo fa e che non è mai tornato o non si è fatto mai sentire. L’assenza prolungata delle istituzioni, qui nei quartieri, non ha lasciato più un vuoto. La sua visita non avrebbe cambiato nulla, ma forse quel nulla, che avrebbe rappresentato la sua visita, avrebbe evidenziato un’assenza, ormai non più sentita. Forse avrebbe rappresentato qualcosa il fatto che un politico percorra le strade di San Cristoforo, non per chiedere voti elettorali ma per vedere le condizioni di vita di tante persone. Peccato che non sia venuta a vedere le facce deluse delle donne del quartiere che, alla notizia del mancato giro tra le loro case e i loro paesaggi quotidiani, si sono rifiutate di venire per l’ennesimo pugno nello stomaco incassato, anche da parte di chi rappresenta lo Stato. Quelle donne, quegli uomini, quei bambini e bambine che oggi sarebbero potuti essere qui a testimoniare contro lo stato in cui versano, non sono qui perché lo Stato non li guarda nemmeno di striscio.

    L’amministrazione cittadina, passata a destra e a manca, di pari passo con lo Stato, ha palesato nel tempo fino a oggi la stessa indifferenza con politiche di falso sviluppo senza continuità né garanzie di gestione del territorio. A san Cristoforo si investe, ma poi ci si dimentica degli investimenti, si costruiscono le piazze e poi si lasciano all’abbandono e in mano alle cosche; si scaraventano montagne di soldi nell’impianto di illuminazione ma poi non si provvede alla sua manutenzione, come alla manutenzione generale del quartiere. A san Cristoforo manca oggi il lavoro, la dignità, la pulizia dei luoghi. Vi sono dei bisogni. Lo stato non provvede: e ci pensa “mammafia”.

    La mafia non si combatte aumentando i controlli e la repressione, anche perché ormai San Cristoforo è diventato un carcere a cielo aperto. La mafia si combatte con il lavoro sul versante degli adulti e con l’educazione sul versante dei minori, con la bellezza e la pulizia dei luoghi.

    Per gli adulti occorre prevedere politiche di rilancio delle fabbriche artigianali locali; creando sistemi di cooperazione senza previsione di enti o organizzazioni inutili, ma favorendo l’incontro tra le persone.

    Per i minori occorre prevedere il rafforzamento dei presidi scolastici che non possono chiudere nei quartieri, la destinazione di fondi per svolgere attività pomeridiane o l’attivazione di servizi di volontariato che nelle scuole stesse consentano ai bambini di fare i compiti e di giocare.

    Garantire una pulizia permanente delle aree gioco, dove attualmente stazionano anche cavalli.

    Se l’amministrazione garantirà pulizia e presenza in tali luoghi noi ci impegniamo a favorire l’organizzazione di attività negli stessi.

    Non perdonateci la rabbia, perché siamo cresciuti senza la possibilità di scelta. Non dateci la pietà, perché ci fa pena. Non dateci gloria, perché non siamo eroi. Vi daremo noi oggi qualcosa: l’eco delle persone di un quartiere, abbandonato alla mafia, come l’intera città, che resiste e vuole vivere.

    GAPA Giovani Assolutamente Per Agire – Centro di Aggregazione Popolare

    Aggiungi commento