Migranti, giovani, precari, ambiente|mercoledì, giugno 19, 2019
Ti trovi qui: Home » Dal Territorio » Catania » Precari a Catania. Parlano IdV e Prc

    Precari a Catania. Parlano IdV e Prc 

    Tempo di lettura: 1 minuto

    Rifondazione Comunista e Italia Dei Valori esprimono piena solidarietà ai 78 impiegati comunali precari, impegnati nell’occupazione dell’aula consiliare  della provincia di Catania.
    L’occupazione temporanea di luoghi di lavoro, in questo caso altamente rappresentativi, non può che non avere il nostro sostegno, poiché rappresentano la rivendicazione dei propri diritti, venuti meno da 23 anni a questa parte.
    Siamo con tutti i lavoratori che rischiano di veder snaturata la propria identità e quella dei loro figli.  Chiediamo il rinnovo del contratto e la conseguente stabilizzazione a tempo indeterminato poiché il   rischio non verta solo sulla perdita di posti di lavoro ma andrebbe ad intaccare il buon funzionamento dei servizi necessari ed essenziali per il presente ed il futuro del Comune di Scordia.

    7 Risposte a Precari a Catania. Parlano IdV e Prc

    1. Salvo

      solo quelli del comune di Catania sono in 189, decine per ciascun comune ed altre decine per per gli altri enti… Se scrivete verificate prima i numeri

       
    2. generazionezero

      E’ relativo a Scordia, come puoi notare.

      Guarda qua, è il comunicato provinciale dei Cobas e altri sindacati
      http://www.generazionezero.org/blog/2012/05/10/precari-in-sciopero-a-catania/

      PS: Siamo al lavoro per un servizio completo sul caso. Per qualsiasi testimonianza o contributo
      genzerosicilia@gmail.com

       
    3. Salvo

      Grazie per la precisazione, scusami ma sono un pò nervosetto ultimamentde

       
    4. vincenzo

      di questi precari la pubblica amministrazione comunale non nè ha bisogno assolutivamente.
      se fosse una fabbrica con 22.000 precari farebbero un imponibile molto alto a fine anno, mentre loro nella pubblica ammistrazione tolgono risorse preziose alla regione sicilia

       
      • Giulio

        Mandiamo la gente in mezzo alla strada perché abbiamo subito Sessant’anni di mala gestione? Perché non licenziare la classe dirigente mafiosa di quest’isola e dare i soldi previsti per gli indagati e condannati per mafia e affini dell’Ars ai nostri precari?

         
    5. santinaegiovannibiondi

      gia da ieri c’è anche l’occupazione della provincia regionale di enna da parte dei precari della stessa che chiedono una giusta stabilizzazione

       
    6. Salvo

      15/05/2012 – San Giovanni Gemini Precari ex art. 23 in assemblea permanente
      I lavoratori precari in servizio presso il Comune di San Giovanni Gemini, hanno convocato un’assemblea per intraprendere azioni di lotta atte a salvaguardare e tutelare il proprio posto di lavoro, messo in discussione sotto ogni punto di vista normativo ed economico. “Preso atto dello stato di paralisi, tutti i lavoratori del Comune di San Giovanni Gemini, esprimono all’unanimità la decisione di astenersi dall’espletamento delle proprie mansioni, costituendosi in assemblea permanente presso l’aula consiliare del Comune a far data da subito, permettendosi di suggerire agli organi preposti di volersi attivare immediatamente per cercare di trovare delle soluzioni normative che possano garantire sviluppi risolutivi, non dimenticando l’indimenticabile, che siamo figli di una norma che la politica stessa ha partorito”. E’ quanto si legge in una nota diramata di precari ex art. 23 del Comune di San Giovanni Gemini

       

    Aggiungi commento