Migranti, giovani, precari, ambiente|mercoledì, Gennaio 20, 2021
Ti trovi qui: Home » Ambiente » Lettera aperta di solidarietà a Turi Vaccaro

    Lettera aperta di solidarietà a Turi Vaccaro 

    Tempo di lettura: 2 minutiIl comitato mamme No Muos di Niscemi è una realtà che lotta ogni giorno. Il temperamento di questo gruppo si misura dalle tante manifestazioni e proteste che le mamme di Niscemi hanno portato avanti in questi mesi, anche davanti alle telecamere.
    Le mamme con i loro bambini sono l’immagine più bella di questa resistenza siciliana, quando l’innocenza di un bambino sfida il nostro senso comune con domande azzardate come “ma se queste antenne fanno male perché le vogliono mettere?”. Scacco matto, c’è poco da dire.
    Le mamme, nell’immaginario collettivo, si prendono cura di tutti e di tutto, con un istinto naturale e, appunto, materno, attraverso il quale non possiamo non sentirci al sicuro. E così per un figlio delle mamme No Muos, Turi Vaccaro, il comitato della mamme No Muos di Niscemi ha scritto questa lettera aperta.

    Chi scrive è il comitato mamme NO MUOS di Niscemi, costituito da mamme e donne pacifiste che nel manifestare il proprio dissenso per la costruzione del MUOS esprime forte preoccupazione per la salute dei propri figli e rivendica il rispetto alla vita.
    In questi mesi, il comitato ha avuto l’onore di conoscere il pacifista TURI VACCARO, il quale si è sempre distinto per aver messo in atto delle azioni di non violenza ed in linea con ideologie pacifiste.
    Il suo modo di vivere, in assoluta armonia con la natura, ha permesso a noi mamme di cogliere la sua grande integrità morale.
    Per tali ragioni, invochiamo a gran voce, indulgenza nei confronti di un uomo che, nella sua singolarità dedica la sua vita alla PACE, alla SALUTE e all’AMBIENTE.
    Tutti diritti sanciti dalla nostra GIUSTA Costituzione.

    Comitato mamme No Muos

    Tempo fa abbiamo scelto da che parte stare. Stiamo dalla parte di chi non ha voce.
    Per tanto tempo l’ambiente, le persone, le mamme e i figli non hanno avuto voce a Niscemi. Un giorno però hanno iniziato a gridare a squarciagola, non si sono fermati più e noi con loro.

     

    Aggiungi commento