Migranti, giovani, precari, ambiente|mercoledì, Gennaio 20, 2021
Ti trovi qui: Home » Ambiente » Le grida ci ossessionano ancora

    Le grida ci ossessionano ancora 

    Tempo di lettura: 2 minutiIo guardo tutte le mattine i miei figli e penso che i miei figli non interessano a nessuno.
    Continuo ad essere sconvolta ed ossessionata da questa frase e dal discorso della madre che l’ha pronunciata.
    “Ma che cosa è successo?”, non smetto di chiedermi.
    Ma che cosa sta succedendo al genere umano, come può essersi così imbarbarito, incrudelito, imbestialito ad un livello tale per colpa di una schiavitù al potere ed al denaro, da perdere completamente il senso dell’umanità e dell’appartenenza al genere umano?
    Come si può costringere una madre a sentire il bisogno di salire sopra un palcoscenico e da lì, intimidita e tremante, costringerla ad urlare, in maniera esasperata e tragica: non so come faccio a guardare i miei figli pensando che valgono nulla rispetto ad interessi bellici di una nazione che non è la nostra?
    Come si può costringere una madre ad urlare: io sveglio i miei figli tutte le mattine in una terra dove non hanno neanche il diritto alla salute?
    Come si può costringere una madre ad urlare: non posso più dire ai miei figli “la polizia è qui per difenderci” perché sono io la prima a non credere a ciò che dico?
    Come si può costringere una madre ad urlare: io guardo tutte le mattine i miei figli e penso che i miei figli non interessano a nessuno?
    Che cosa è successo al genere umano da averlo reso così bestiale, disumano, brutale, corrotto, malvagio e falso ad un punto tale da aver corroso completamente il senso di umanità che dovrebbe invece nobilitare l’uomo e renderlo migliore ogni giorno che passa?
    Come può l’uomo essere diventato così corrotto e malvagio da mentire così spudoratamente e negare ogni evidenza, da negare ad ogni persona, ad ogni uomo, ad ogni donna, ad ogni mamma, ad ogni bambino, il diritto a vivere in pace ed in salute nella propria terra e nella propria città?
    Come si può dire una cosa, e pensarne al contempo un’altra in maniera così spudorata, ed avere poi il coraggio di guardare in faccia quelle stesse persone a cui si sa di aver precedentemente mentito? Perché i nostri governanti ci mentono?
    Come si può vendere il diritto alla legalità, alla dignità, alla salute di un popolo, e in nome del dio denaro fare ciò, e costringere una mamma ad urlare tutta la sua esasperazione, e poi continuare e continuare a mentire e mentire e mentire ancora come se niente fosse?
    Io non ci dormo più la notte, al pensiero di una, dieci, cento, mille mamme che ogni mattina guardano i propri figli dormire e sono costrette a chiedere a se stesse: ma perché ogni mattina io debbo essere costretta a guardare i miei figli e pensare che questi miei figli non interessano a nessuno?

     

    Lucia Santoro

    Aggiungi commento