Migranti, giovani, precari, ambiente|sabato, Ottobre 24, 2020
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » Legambiente Ragusa: “Adottiamo i pantani della Sicilia Orientale”

    Legambiente Ragusa: “Adottiamo i pantani della Sicilia Orientale” 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    I Pantani della Sicilia Sud-Orientale sono una delle aree naturalistiche più importanti della regione nonché Sito di Interesse Comunitario (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS) per la Comunità Europea: rappresentano quindi uno dei presìdi per il mantenimento delle biodiversità a livello mediterraneo ed europeo. D’altra parte risultano essere un’area estremamente degradata, con la presenza di fonti d’inquinamento, di discariche abusive, nonché di bracconaggio venatorio ed ittico. L’interesse scientifico del sito, e la prossimità con il comune di Ispica in cui è insediato l’Istituto G. Curcio, fanno di questo ambiente un “naturale” laboratorio scientifico e didattico multidisciplinare. Per questo motivo il Presidente della Legambiente di Ragusa, il biologo Antonino Duchi, spinto dall’istituzione della Riserva Naturale Regionale nell’area, ha scelto di coinvolgere i ragazzi dell’Istituto per renderli attori consapevoli nell’ambito della gestione/monitoraggio di tale area. Afferma il dottor Duchi: “ Il mio principale obiettivo è quello di avvicinare gli studenti alle metodiche di elaborazione, sintesi e divulgazione di dati naturalistici ed ambientali; ma soprattutto favorire l’impegno dei giovani quali “soggetti attivi” nella salvaguardia e riqualificazione del territorio”. Per i ragazzi, questa è sicuramente un nuovo modo di vivere la scuola. Molto spesso ci si perde nella conoscenza del passato o di qualcosa lontano da noi, quando invece si ha intorno un grande patrimonio molto spesso sottovalutato. Il monitoraggio e/o censimento di alcune variabili naturalistiche ed ecologiche, precedute da lezioni di teoria nell’Istituto, avverranno all’interno del progetto PON “Monitoraggio e studio dell’ecosistema della provincia iblea” (C-4-FSE-2011-767). Sotto l’attenta supervisione del professor Giuseppe Micieli, tutor di questo progetto i ragazzi del Biennio, inoltre, saranno coinvolti per la prima volta nelle Olimpiadi di Scienze Naturali. “Speriamo di uscire da questo progetto con una nuova conoscenza che ci possa arricchire e rendere più consapevoli della fortuna che questi pantani rappresentano” è questo il commento a caldo dei ragazzi dopo il primo incontro. Continuano dicendo: “Ringraziamo il dirigente scolastico Maurizio Franzò che ha colto un’opportunità irripetibile per il nostro Istituto, e ci rende ogni giorno che passa più convinti della nostra scelta”. Si auspica che questo progetto sia solo l’inizio di una lunga e fruttuosa attività sul territorio ibleo e possa aiutare le autorità nella valorizzazione dei Pantani della Sicilia Orientale.

    Comunicato a cura degli studenti partecipanti al progetto.
    About the author: Giulio Pitroso

    Giulio Pitroso, nato nel 1989 a Ragusa. Laureato in Lettere Moderne a Catania, in Culture Moderne Comparate a Torino. Ha collaborato con Il Clandestino con Permesso di soggiorno, Sciclipress, IlMegafono.org. Ha diretto dalla sua fondazione Generazione Zero Sicilia fino al luglio 2012. Dallo stesso anno è presidente di Generazione Zero. I suoi articoli sono stati ripresi su Liberainformazione e i Siciliani giovani.

    Aggiungi commento