Migranti, giovani, precari, ambiente|domenica, Ottobre 25, 2020
Ti trovi qui: Home » La montagna di merda » Libera Lazio risponde a GZero dopo l’intimidazione

    Libera Lazio risponde a GZero dopo l’intimidazione 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Libera Lazio ha di recente subito una grave intimidazione, la devastazione del “Villaggio della Legalità” a Borgo Sabotino.

    Che cos’è il “Villaggio della Legalità” e dove si
    trova?

    Il “Villaggio della Legalità” di Libera a Borgo Sabotino a Latina è un bene confiscato dalla magistratura per abusivismo edilizio.
    Il bene intitolato all’avvocato Serafino Famà,vittima innocente di mafia,ucciso dai clan catanesi,è un grande villaggio turistico realizzato sulle sponde del canale mussolini. La struttura si trova al confine tra le provincie di Latina e Roma.

    Avete subito una grave intimidazione. Ci può raccontare
    com’è successo?

    Sin dal giorno dell’inaugurazione, nel luglio di quest’anno, la struttura è stata più volte sottoposta ad atti di vandalismo. L’ultimo grave atto è stato compito nei giorni scorsi ed ha visto la distruzione dei servizi igienici e degli impianti interni delle due grosse tensostrutture di cui il villaggio è fornito.

    La provincia di Latina è un territorio difficile? Che situazione c’è?
    La provincia di Latina,cosi come tutto ilo basso Lazio da anni vede agire mafia, camorra e ‘ndrangheta. Le mafie in questo vasto territorio al confine con la Campania, si sono dapprima infiltrate, anni ’70, poi radicate, anni90, e dagli anni 2000 hanno avviato una vasta opera di contaminazione della criminalità locale e di pezzi della politica e dell’economia. L’obiettivo delle mafie in questa area è quello di controllare i mercati criminali di Roma e lì reinvestire i loro ingenti capitali. Libera da anni parla di quinta mafia come risultato di questa strategia criminale.

    La popolazione di Latina come ha reagito?
    Dapprima il fenomeno è stato negato. Ora siamo a vere e proprie zone del Lazio dove vige omertà e paura da parte di intere comunità. Vedi le note vicende dello scioglimento per infiltrazione mafiosa nel comune di Nettuno(Rm) e la vicenda del comune di Fondi.

    I media nazionali hanno seguito la vostra storia?
    Media nazionali e stranieri si sono interessati alla vicenda della devastazione del “Villaggio della Legalità” di Libera a Latina, perché l’impegno di tanti giovani rappresenta il tentativo della società responsabile di sbarrare il passo alle mafie di importazione ed autoctone verso Roma.

    Che cosa si prova a combattere con Libera in Italia?
    Libera è la risposta o meglio una delle migliori risposte dei cittadini singoli e delle associazioni nei confronti dell’azione di contaminazione criminale delle mafie sui territori dove operano…in Italia. Le mafie si internazionalizzano e anche Libera lo fa.

    Quali sono i progetti futuri per Libera Lazio?
    Lavorare con continuità sui temi dell’educazione dei giovani e non solo alla Legalità. Libera a Roma e nel Lazio sta costruendo,pur con tanti limiti e fragilità, una rete consistente di persone e gruppi contro l’agire mafioso. Tenendo presente, come sostiene don Luigi Ciotti, che è il
    Noi che vince.

     

    In risposta a Libera Lazio risponde a GZero dopo l’intimidazione

    Aggiungi commento