Migranti, giovani, precari, ambiente|martedì, dicembre 10, 2019
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » USB Lavoro Privato di Ragusa condanna l’aggressione in cantiere

    USB Lavoro Privato di Ragusa condanna l’aggressione in cantiere 

    Tempo di lettura: 1 minuto

    USB Lavoro Privato di Ragusa, condanna quanto accaduto nel cantiere dell’impresa Busso S. S.r.l. di Igiene Ambientale di Ragusa il 21/02/2017 e qualunque forma di violenza, fisica e psicologica.
    Siamo solidali con i due Lavoratori coinvolti.
    Riteniamo che strumentalizzare fatti del genere non risolve il problema ma lo esaspera sempre  più.
    È evidente che bisogna ritornare ad un clima disteso passando per il rispetto dei ruoli salvaguardando sempre la dignità di TUTTI .
    All’Impresa chiediamo, come in fatti analoghi accaduti in precedenza, di ascoltare le parti in causa  e addivenire ad una soluzione che tenda a riappacificare gli animi.
    Tutti andiamo a LAVORARE per potere dare da mangiare ai nostri figli e non per altro.

     

    About the author: attilio occhipinti

    Nato a Ragusa nel 1989, sono laureto in Filosofia presso la Facoltà degli studi di Catania e in Comunicazione e Cultura dei Media all'Università degli studi di Torino. Dall’aprile 2011 scrivo su Generazione Zero, all’interno del quale ho ricoperto la carica di direttore editoriale dall'agosto 2013 fino a settembre 2014. Per circa un anno sono stato il responsabile delle risorse umane, ruolo che mi ha permesso di coordinare i rapporti tra gli autori e i collaboratori. Mi sono occupato di diversi temi curato nei miei articoli, dall'ambiente, alla politica, passando per i tanti problemi che affliggono gli studenti, i precari e gli immigrati. I miei articoli sono apparsi su I Siciliani giovani, rivista mensile di antimafia, mentre in passato ho collaborato con il mensile d’inchiesta Il Clandestino con permesso di soggiorno. Dal 2016 coordino le attività di ufficio stampa dell'Associazione Generazione Zero.

    Aggiungi commento