Migranti, giovani, precari, ambiente|domenica, agosto 18, 2019
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » Ragusa: la ditta Busso lascia al gelo i lavoratori

    Ragusa: la ditta Busso lascia al gelo i lavoratori 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    logo_maind03806feb2

     

     

     

     

     

     LAVORO PRIVATO                                                                                                                  FLAICA CUB

     

    Al Signor Sindaco di Ragusa

    All’Assessore All’Ambiente di Ragusa

    A S.E. Prefetto di Ragusa

    Agli Organi d’informazione

    Oggetto : fornitura del vestiario Anno 2014.

    Le scriventi OO.SS., in riferimento alla fornitura del vestiario invernale relativa all’anno 2014, dei dipendenti dell’impresa Busso Sebastiano del cantiere di Ragusa, sono costretti a denunciare la mancata fornitura per diversi lavoratori.

    Con la missiva, del 12/12/2014, inviata dall’impresa alle SS.LL., in cui si legge testualmente “la scrivente ribadisce che da la propria disponibilità ai 17 dipendenti di consegnare la fornitura previa richiesta al Direttore”.

    In data 31/12/2014 un elenco di nominativi è stato presentato all’attenzione dell’incaricato, ma ad oggi nessun riscontro.

    Nonostante le avversità meteo di questi giorni, l’impresa pretestuosamente, nei mesi scorsi, ha attenzionato alcuni di questi lavoratori con lettere di contestazione per non avere indossato gli indumenti.

    Si chiede intervento delle competenti autorità.

    Distinti Saluti.

    Si allega documentazione di riferimento.

    Ragusa addì 14/01/2015

     

    Segreteria Territoriale

    Federazione U S B Catania

    Corrado Tabbita Siena                  

    comunicatousb             

    Segretario Provinciale

    Flaica CUB

    La Terra Roberto

                                                                                                                                                                                                            

     

     

    Aggiungi commento