Migranti, giovani, precari, ambiente|giovedì, agosto 22, 2019
Ti trovi qui: Home » Campagne » Una Casa dei Diritti per Ragusa

    Una Casa dei Diritti per Ragusa 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Una Casa dei Diritti per la città di Ragusa, un posto in cui le associazioni e i gruppi possano convivere e collaborare nel nome della legalità e della solidarietà sociale, per contrastare ogni tipo di discriminazione e di ingiustizia. Un progetto ambizioso per la comunità ragusana.
    Per questo viene lanciata sul sito di Generazione Zero la campagna #casadeidiritti, così da dare l’opportunità ai lettori di restare sempre informati, passo dopo passo, sugli ulteriori sviluppi della battaglia per costruire casadeidirittiuno spazio di aggregazione e costruzione sociale.
    Questo spazio sarà una grande opportunità per la città, chiamata a mettersi in gioco, affinché diritti e libertà vengano tutelati, a tutti i livelli. La Casa dei Diritti sarà, sì, un luogo d’incontro e di partecipazione, ma è soprattutto un luogo di innovazione sociale. Sportelli informativi, incontri, dibattiti, la possibilità di organizzare conferenze ed eventi. Potremo offrire ai cittadini di Ragusa la possibilità, parafrasando lo slogan,  non solo di immaginare, ma anche di costruire una città nuova, tutti insieme.
    Un esempio recente e virtuoso in questo senso è la Casa dei Diritti di Milano, inaugurata nel dicembre del 2013.

    Gli sportelli e i servizi della Casa dei Diritti di Ragusa che immaginiamo comprendono:

    Sportello contro la Violenza sulle Donne
    sportello d’ascolto e di prevenzione contro la violenza sulle donne.

    Sportello delle Seconde Generazioni
    riservato ai giovani figli di immigrati non ancora in possesso della cittadinanza italiana.

    Sportello contro tutte le dipendenze
    perché chi dipende non è libero.

    Sportello dell’Antimafia Sociale
    perché non riusciamo ad immaginare di stare in silenzio di fronte agli orrori delle mafie.

    Sportello LGBT
    che si occuperà dei casi di discriminazione legati all’orientamento sessuale, all’identità e all’appartenenza di genere.

    Sede del Testamento Biologico
    per la libertà di scelta.

    Sportello per il Diritto allo Studio
    per chi ha difficoltà nello studio e per chi non riesce ad acquistare libri nuovi.

    Sede registro Unioni Civili
    dedicato alle coppie di fatto.

    Sportello iniziative di Solidarietà Sociale
    dedicato alle iniziative di solidarietà sociale e alla tutela dei diritti dei senza casa e dei senza lavoro.

    Affinché la Casa dei Diritti diventi una realtà, è necessario firmare la petizione popolare (ai sensi dell’art.8, comma 3 dello statuto comunale) per chiedere all’Amministrazione Comunale dei locali da destinare al progetto. Toccherebbe poi alle associazioni e ai volontari gestire la sede della Casa dei Diritti.

    I luoghi della raccolta firme per le petizione sono:

    Sede della Flc Cgil, nella camera del lavoro, in Vico Cairoli 29.

    Movimento “A Sinistra Ragusa”, in Via Amendola, 29.

    Cinema Lumiere, in Via Archimede 214.

    Promotori:

    A SINISTRA RAGUSA

    GENERAZIONE ZERO

    FLC CGIL

    AGEDO

    LIBERA

    AMNESTY INTERNATIONAL

    UNITI SENZA FRONTIERE

    COORDINAMENTO STUDENTESCO RAGUSANO

     

     

     

    About the author: attilio occhipinti

    Nato a Ragusa nel 1989, sono laureto in Filosofia presso la Facoltà degli studi di Catania e in Comunicazione e Cultura dei Media all'Università degli studi di Torino. Dall’aprile 2011 scrivo su Generazione Zero, all’interno del quale ho ricoperto la carica di direttore editoriale dall'agosto 2013 fino a settembre 2014. Per circa un anno sono stato il responsabile delle risorse umane, ruolo che mi ha permesso di coordinare i rapporti tra gli autori e i collaboratori. Mi sono occupato di diversi temi curato nei miei articoli, dall'ambiente, alla politica, passando per i tanti problemi che affliggono gli studenti, i precari e gli immigrati. I miei articoli sono apparsi su I Siciliani giovani, rivista mensile di antimafia, mentre in passato ho collaborato con il mensile d’inchiesta Il Clandestino con permesso di soggiorno. Dal 2016 coordino le attività di ufficio stampa dell'Associazione Generazione Zero.

    Aggiungi commento