Migranti, giovani, precari, ambiente|giovedì, agosto 22, 2019
Ti trovi qui: Home » Dal Territorio » Incendiate le terre di Emanuele Feltri

    Incendiate le terre di Emanuele Feltri 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Non c’è tranquillità per Emanuele Feltri, siamo di fronte all’ennesimo atto subito.
    Stiamo parlando dell’incendio doloso dei circa cinquecento ettari del suo terreno appiccato la notte tra il 31 Agosto e il 1° Settembre. L’imprenditore agricolo, noto per le intimidazioni subite lo scorso anno, si era allontanato dalla sua proprietà per passare un fine settimana in Sila, ma l’incresciosa notizia lo ha fatto rientrare. Secondo la ricostruzione di Emanuele ad appiccare il fuoco, in contrada Sciddicuni a Paternò, sarebbero stati dei pastori per poter garantire nuova erba ai propri greggi. A spegnere le fiamme, che hanno bruciato anche altri terreni nell’Oasi di Porta Barca in piena Valle del Simeto, sono stati i Vigili del Fuoco e Feltri insieme ai suoi collaboratori. Questi ultimi utilizzando il sistema di irrigazione sono riusciti così a salvare l’agrumeto. Per i centenari ulivi invece è andata peggio, sono andati completamente distrutti. Con amarezza Emanuele ha affermato in alcune interviste di aver perso completamente non solo la produzione di olive, e quindi l’olio di quest’anno, ma anche quella futura, poiché gli alberi non ci sono più.
    Il pastore, amministratore di uno dei beni primari che la natura ci offre, dovrebbe collaborare con il collega contadino, in quanto vi condivide ruoli e principi e non agire per la sua malóra.

    Di poche ore fa è la notizia, pubblicata dallo stesso Emanuele nel suo profilo Facebook, del ritrovamento nel piazzale dell’azienda 10363484_10202341313110694_1830590253925835171_nagricola della vasca dell’acqua rovesciata. Queste le parole di Emanuele : “Senza acqua niente agricoltura? Vi vutamu sutta e supra? Altro? Agli specialisti l’arduo compito di decifrare la simbologia del gesto.” Continua affermando “Cogliamo l’occasione per rendere noto che episodi analoghi vengono quotidianamente vissuti da tanti altri agricoltori e ci auspichiamo si possa trovare un percorso comune e condiviso per uscire dalla crisi di settore riscoprendo un nuovo modo di fare agricoltura. Che sia etico, sostenibile e che guardi realmente al futuro nell’ottica di una comunità solidale e della sovranità alimentare“.

    Federica Monello

    About the author: Federica Monello

    Sono una studentessa di Lettere Moderne con la passione per la scrittura. I primi articoli li ho pubblicati su un sito d'informazione locale www.i4canti.it. Nell'aprile 2012 inizio la collaborazione con GZ che mi ha permesso di poter esplorare i vari campi del giornalismo, dal dossier storico, a uno tutto mio sulla street art e la cultura underground. Mi sono anche cimentata in articoli dal carattere prettamente politico e la cosa mi entusiasma. Base del mio agire è la volontà di raccontare a quante più persone possibili ciò che succede intorno a noi nel modo più chiaro e veritiero. "Io ho un concetto etico del giornalismo. Ritengo infatti che in una società democratica e libera quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società". Federica Monello

    Aggiungi commento