Migranti, giovani, precari, ambiente|giovedì, Ottobre 22, 2020
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » Partecipiamo Ragusa: emendamento IUC

    Partecipiamo Ragusa: emendamento IUC 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Il Consiglio Comunale ha approvato l’emendamento al regolamento IUC (Imposta Unica Comunale) proposto dal gruppo consiliare di Partecipiamo che dà l’esenzione totale dell’imposta agli studenti con residenza autonoma a Ragusa ma  che vivono nel Comune sede universitaria ed hanno in quel Comune regolare contratto d’affitto.  E’ stato purtroppo respinto l’emendamento tendente alla riduzione dell’aliquota del 30% delle imposte (anche perchè non usufruiscono di alcun servizio) per i fabbricati rurali abitati e per i cittadini che risiedono o abbiano la dimora all’estero (v. emigranti) . Il gruppo consiliare ‘Partecipiamo’  ha anche sostenuto e votato favorevolmente altri emendamenti tendenti ad incentivare nuove assunzioni, agevolazioni per le categorie produttive, sgravi per disabili e  riteniamo pertanto  molto positivo il lavoro svolto in aula con i gruppi del Mov 5 stelle, Citta, Pd. Rimane invece estremamente critico il giudizio di Partecipiamo sugli strumenti finanziari adottati dall’Amministrazione Piccitto. Vogliamo ribadire e ricordare infatti, per chi ha memoria ridotta, che l’anno scorso  in sede di approvazione dell’aumento IMU (da noi non condiviso e non votato) il nostro rappresentante in Consiglio Comunale presentò un ordine del giorno che fu votato all’unanimità dall’intero Consiglio, maggioranza e minoranza. In quell’ordine del giorno Giovanni Iacono aveva scritto la previsione  per il 2014 di parecchie entrate derivanti proprio dall’aumento delle royaltyes (circostanza che si è’ realmente e ‘puntualmente’ verificata). Si IMPEGNAVA quindi l ‘amministrazione a condurre la lotta all’evasione contributiva e alla riduzione dei costi in una logica di spending review  per poter abbassare, a partire dal 2014, le imposte locali nella stessa misura dell’aumento che era stato effettuato nel 2013. Avevamo chiesto  l’attivazione, con parte delle nuove entrate, di azioni di investimenti e di rilancio dell’economia locale. Quest’anno a maggio abbiamo ricordato, con comunicato stampa, all’amministrazione di rispettare la volontà espressa unanimemente in quell’odg  del Consiglio. Il ‘topolino’ partorito, con ‘parto cesareo,  e’ stato il non pagamento TASI.  Riteniamo che i bilanci siano non solo atti fondamentali ed obbligatori ma opportunità concrete per mostrare una identità di governo e di amministrazione tali da attivare leve di investimenti e di sviluppo.

    Ragusa, 27 luglio 2014

    Aggiungi commento