Migranti, giovani, precari, ambiente|sabato, febbraio 29, 2020
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » Legambiente Ragusa: Nontiscordardimè

    Legambiente Ragusa: Nontiscordardimè 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    COMUNICATO STAMPA

    NONTISCORDARDIME’ ALLA SCUOLA DELLE ORCHIDEE

    Alla scuola Palazzello piantumate essenze vegetali autoctone dono dell’Azienda Foreste di Ragusa

    Un piccolo polmone verde da curare da parte degli alunni

    E’ stata fortemente partecipata alla scuola Palazzello la tappa ragusana di Nontiscordardimè, la campagna di Legambiente che promuove le giornate di volontariato dedicate alla qualità e alla vivibilità degli edifici scolastici, attraverso la promozione di pratiche di sensibilizzazione ambientale e di attività pratiche rivolte agli studenti. L’obiettivo è di far prendere coscienza delle carenze strutturali e ambientali delle scuole e, dall’altro lato, far presente alle amministrazioni competenti eventuali carenze e necessità di intervento negli edifici.

    Il circolo di Legambiente il Carrubo, che ha operato in stretta collaborazione con la dirigente Giovanna Piccitto e la vicaria Angela Guardo, ha effettuato un’animazione didattica a cura del Presidente, nonché Educatore Ambientale, Antonino Duchi, che ha coinvolto più di 300 studenti in due giorni sulle problematicità della scuola (tra cui: rifiuti accantonati nelle adiacenze esterne e lo scarso uso dello spazio verde) e sulle principali caratteristiche delle piante mediterranee. Il tutto propedeutico alla successiva piantumazione nelle aiuole del cortile scolastico di essenze forestali autoctone quali leccio, lentisco, bagolaro, ilatro ecc, tutte donate dall’Azienda Foreste di Ragusa e provenienti dal vivaio di Randello. Ogni albero, la cui piantumazione è stata effettuata in collaborazione col settore tecnico del Comune di Ragusa, è stato adottato da una classe che se ne prenderà cura.

    Per ogni pianta sono state preparate delle schede illustrative da Andrea Patriarca (direttivo Legambiente) che ha dichiarato: “è necessario che le nuove generazioni capiscano l’importanza di aree verdi nelle città soprattutto utilizzando specie arboree della flora autoctona; gli alberi non portano soltanto benefici purificando e ossigenando l’aria ma riducono pure, con la loro ombra e la loro traspirazione l’isola di calore urbana, soprattutto in estate, causata dal surriscaldamento delle superfici in cemento e asfaltate, e dai gas di scarico dei mezzi a motore”.

    L’iniziativa è anche visionabile sul sito e la pagina facebook di Legambiente Ragusa grazie all’attività documentata da Marianna Triplinetti (direttivo Legambiente) che ritiene essenziale diffondere queste buone pratiche in tutte le scuole provinciali in quanto l’educazione ambientale è la premessa per una cittadinanza attiva e un maggior rispetto in generale.

    “Ricordiamo inoltre che l’area esterna alla scuola in questione si è rivelata uno scrigno naturalistico inaspettato per la presenza di ben nove specie di orchidee selvatiche autoctone ” ha sottolineato il presidente di Legambiente Ragusa Antonino Duchi “ Ho quindi esortato gli studenti e gli insegnanti a sviluppare l’osservazione naturalistica sul campo, perché l’ecologia non si studia solo al chiuso delle aule; avere l’occasione di poter usufruire di uno spazio verde è davvero una rara e fortunata eccezione”.

    L’iniziativa non si ferma qui: infatti è prevista l’ulteriore piantumazione di una siepe di ginestre bianche il prossimo autunno.

     

    Aggiungi commento