Migranti, giovani, precari, ambiente|giovedì, febbraio 20, 2020
Ti trovi qui: Home » Ambiente » Beni Comuni a Ragusa: conosciamo gli organizzatori

    Beni Comuni a Ragusa: conosciamo gli organizzatori 

    Tempo di lettura: 4 minuti

    La Scuola della Decrescita di Ragusa

    Il 3 aprile 2014 all’auditorium Santa Teresa a Ibla si parlerà di Beni Comuni con un relatore d’eccezione, il professore Ugo Mattei, docente di Diritto Civile a Torino, uomo di punta dello IUCT, attivo a livello internazionale, noto anche per essere stato uno degli autori dei quesiti referendari contro la privatizzazione dell’acqua. A promuovere ed organizzare l’iniziativa è stata la Scuola della Decrescita di Ragusa con la collaborazione di Generazione Zero e di numerosi sponsor. Abbiamo intervistato Stefano De Nicola, uno dei membri del gruppo. 

    decrescitaChe cosa è la Scuola della Decrescita e com’è nata?
    La scuola della Decrescita è un gruppo formatosi all’indomani della venuta del filosofo decrescitista Serge Latouche a Ragusa (Dicembre 2012), allo scopo di creare consapevolezza pubblica, spazi di dibattito e iniziative intorno al concetto di Decrescita Felice. Le nostre iniziative sono aperte a tutti, ma organizzate in piena indipendenza da partiti, movimenti politici ed associazioni.

     

    simbolo decrescitaChe cosa s’intende per Decrescita?
    La Decrescita (o Decrescita Felice) è una teoria economica, politica e filosofica che si propone come vera alternativa alle teorie tradizionali. Dopo il crollo disastroso del socialismo reale sovietico e la crisi persistente di un capitalismo mondiale sempre più feroce, è evidente che bisogna mettere in discussione i fondamenti stessi su cui le vecchie visioni del mondo erano ancorate.
    Questo spiega il nome stesso “Decrescita”, che è volutamente una provocazione: serve a mettere in discussione il dogma della crescita ad ogni costo, di un “progresso” in nome del quale si possano sacrificare i diritti umani e devastare la società e l’ambiente.
    La Decrescita nasce dalle domande: di cosa abbiamo veramente bisogno? Come possiamo creare una società del benessere, che armonizzi le necessità dell’uomo con i limiti naturali del pianeta?
    Intorno a questi punti focali è nato negli ultimi anni un grande dibattito culturale, politico e filosofico, che riteniamo destinato a diventare sempre più centrale negli anni a venire.

    Che cosa avete fatto finora e che cosa avete intenzione di fare?
    La prima iniziativa organizzata dalla Scuola è l’incontro del 3 Aprile [Auditorium Chiesa S. Teresa, inizio ore 17] con il prof. Ugo Mattei, un’occasione preziosa per parlare di Beni Comuni con uno dei massimi esperti italiani e mondiali in materia, un giurista molto progressista ed estremamente all’avanguardia rispetto ad un ambiente accademico spesso chiuso e retrivo.

    Che libri o film consigliereste a chi si vuole approcciare alla materia? 
    Ci sono molte strade che conducono verso la Decrescita; chi ha una mentalità più pratica potrà trovare stimolante il “Manifesto per la Decrescita Felice” di M. Pallante, mentre a chi preferisce un quadro più teorico e filosofico consigliamo il “Breve Trattato sulla Decrescita Serena” di S. Latouche.
    La migliore introduzione al tema dei Beni Comuni, argomento dell’incontro di Giovedì, è invece “Beni Comuni: un manifesto” dello stesso Ugo Mattei.

    decrescita membri

    I membri della Scuola della Decrescita durante una conferenza stampa al Prima Classe

    L’argomento dell’incontro, i Beni Comuni, interessa tutti o solo gli intellettuali?
    Il tema dei Beni Comuni è in effetti uno dei temi più concreti che si possano porre oggi.
    Si tratta di un approccio nuovo, partecipato e diretto, a risorse che sono indispensabili: si pensi ad esempio all’acqua, all’istruzione, alla sanità, agli spazi pubblici.
    In un’epoca di crisi, di privatizzazioni, di globalizzazione, in cui la libertà del cittadino è limitata alla scelta dei prodotti nel supermercato e la democrazia rappresentativa si riduce spesso al mero atto del voto (per partiti poi non troppo diversi l’uno dall’altro), parlare di Beni Comuni rimette al centro l’importanza della comunità, dell’uomo e dei suoi bisogni vitali: quei bisogni che non possono essere messi a repentaglio né da logiche di mercato né da inefficienze statali, ed è interesse di ciascuno tutelare.

    Che cosa c’entrano i Beni Comuni con la Decrescita?
    La Decrescita è una visione globale della società e dell’uomo che mette al centro i bisogni effettivi della comunità, aspirando ad una civiltà del Buon Vivere, dell’equilibrio e della convivialità.
    E’ chiaro che una prospettiva simile necessita di mettere in crisi i paradigmi tradizionali, incluso quello giuridico del dualismo Stato-proprietà privata che ha monopolizzato l’era moderna.
    La cultura dei Beni Comuni nasce (o meglio, viene riscoperta e rielaborata) proprio come alternativa a questo dualismo, e dunque si colloca e si coordina perfettamente all’interno del pensiero della Decrescita, arricchendolo con le proprie specificità.

     

    Intervista di Giulio Pitroso
    Foto di Peppe Giordano
    Illustrazione di Greta Bengasi

     

    About the author: Giulio Pitroso

    Giulio Pitroso, nato nel 1989 a Ragusa. Laureato in Lettere Moderne a Catania, in Culture Moderne Comparate a Torino. Ha collaborato con Il Clandestino con Permesso di soggiorno, Sciclipress, IlMegafono.org. Ha diretto dalla sua fondazione Generazione Zero Sicilia fino al luglio 2012. Dallo stesso anno è presidente di Generazione Zero. I suoi articoli sono stati ripresi su Liberainformazione e i Siciliani giovani.

    Aggiungi commento