Migranti, giovani, precari, ambiente|sabato, luglio 4, 2020
Ti trovi qui: Home » Ambiente » Orchidee nontiscordardime’ scuola Ragusa

    Orchidee nontiscordardime’ scuola Ragusa 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    LEGAMBIENTE IL CARRUBO RAGUSA

    COMUNICATO STAMPA

    UN TESORO BOTANICO ALLA SCUOLA PALAZZELLO

    BEN 9 SPECIE DI ORCHIDEE SELVATICHE IN PIENA CITTA’ NUOVA

    IL RISCONTRO DURANTE LE ATTIVITA’ PREPARATORIE DELL’INIZIATIVA DI LEGAMBIENTE NONTISCORDARDIME’

     

    E’ stata la scoperta di un tesoro botanico il primo importante risultato dell’appena iniziata collaborazione tra Legambiente Ragusa il Carrubo e il Circolo Didattico Palazzello. Ben 9 specie di orchidee selvatiche, tra cui due presenti solamente in Sicilia, tutte insieme nell’area verde lasciata incolta di pertinenza dell’edificio scolastico: una piccola oasi di natura sfuggita alla frenesia cementificatoria che ha colpito anche il capoluogo ibleo. Un numero di specie pari a circa un quinto di quelle presenti negli Iblei ed un decimo di quelle presenti in tutta la Sicilia. Un ritrovamento ancora probabilmente incompleto, visto che la stagione di fioritura non è ancora terminata e quindi altre specie potrebbero fare la loro comparsa.

    Le piante selvatiche sono state individuate dal Biologo Antonino Duchi, presidente del Circolo Il Carrubo di Ragusa che, insieme all”Assessore Claudio Conti, alla Preside Giovanna Piccitto ed alla Vicaria Angela Guardo, stava effettuando un sopralluogo preparatorio per l’iniziativa Nontiscordardime’, la giornata nazionale di volontariato di Legambiente dedicata alla qualità e alla vivibilità degli edifici scolastici,

    E’ stato immediatamente contattato Vito Campo, esperto dell’affascinante mondo delle orchidee, che ha confermato ed integrato la determinazione delle varie specie: Serapias vomeracea, Ophrys sphegodes, Ophrys speculum, Ophrys lutea, Ophrys sicula, Ophrys incubacea, Ophrys fusca, Ophrys flammeola ed Ophrys archimedea sono i nomi scientifici delle piante osservate, alcune delle quali presenti in decine di esemplari.

    “L’area verde esterna alla scuola Palazzello si mostra così come una vera e propria ‘aula naturalistica e didattica’ all’aperto – sottolinea il Biologo Duchi – e come tale ritengo vada gestita e valorizzata, dando l’opportunità in primis ai docenti ed agli studenti di conoscere e studiare la natura dal vivo e di prima mano”.

    Positivo quindi, secondo Legambiente, che grazie all’iniziativa Nontiscordardimè il Comune si sia impegnato ad intervenire a breve per la bonifica dell’area. Ma l’associazione ambientalista invita a svolgere, oltre alla indispensabile bonifica, solo interventi di manutenzione leggera e nei tempi biologicamente adeguati, in modo da non precludere alla flora e fauna di mantenersi e svilupparsi, evitando quindi interventi ‘pesanti’ e tempisticamente non validi che possano mettere a repentaglio tra l’altro tale prezioso ritrovamento botanico.

    Ragusa, 02.04.2014

     

    Aggiungi commento