Migranti, giovani, precari, ambiente|lunedì, Novembre 30, 2020
Ti trovi qui: Home » Dal Territorio » Comuni in fiamme

    Comuni in fiamme 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Oggi…

    “Non possiamo abbassare la guardia, abbiamo il dovere di denunciare le scorribande della malavita nelle strutture economiche legate all’agricoltura e al suo indotto, registriamo ancora troppo spesso atti intimidatori, incendi dolosi, furti e danneggiamenti che danno la misura di un tentativo di riorganizzazione della stessa”. È quanto afferma Enzo Cilia, coordinatore provinciale SEL- Ragusa- a fronte di un grave episodio intimidatorio: l’auto di un dirigente del Comune di Vittoria (RG), Giuseppe Sulsenti, Ragioniere Capo, è stata data alle fiamme nella notte del 16 Ottobre. La Polizia di Vittoria ha già avviato le indagini e non esclude al momento alcuna pista. Sulsenti, pur non conoscendo con certezza i motivi di tale gesto, ha timore si riferissero alla sua attività di componente del Cda della Vittoria Mercati srl, società di gestione del mercato ortofrutticolo di Vittoria, tra i più grandi d’Italia. La Vittoria Mercati, tra il 2012 e il 2013, si è fatta carico di interventi di miglioria (la copertura dei box, il rifacimento dell’asfalto interno), ha dotato il mercato di una maggiore sorveglianza (tramite l’installazione di 26 telecamere) ed ha provveduto alla riorganizzazione della gestione dei rifiuti, interventi “che il mercato – spiega il sindaco, Giuseppe Nicosia – attendeva da 30 anni”. Non si escluderebbe, ancora, ma si tratta di indiscrezioni non confermate dagli operatori di polizia, che l’incendio potrebbe essere un atto ritorsivo alla luce di tali recenti iniziative.
    Non si sono fatti attendere vari attestati di solidarietà nei confronti di Giuseppe Sulsenti, da parte delle diverse forze politiche locali e da parte della senatrice del PD, Venerina Padua.

    Ieri…

    Si tratta del secondo atto intimidatorio di questo tipo, in provincia di Ragusa, negli ultimi mesi: infatti, già nel luglio scorso, l’auto del sindaco di Giarratana,maxresdefault Bartolo Giaquinta, ha condiviso la stessa sorte: le fiamme. In quel periodo (luglio 2013) era in corso una diatriba cittadina riguardo la decisione della Giunta Comunale di ospitare alcuni immigrati Eritrei richiedenti asilo politico. Lo stesso sindaco Giaquinta, tuttavia, minimizzò l’atto: “probabilmente negli ultimi tempi si è creato un clima di scontro politico esasperato a Giarratana e qualcuno forse è andato ben oltre la normale dialettica politica. Tuttavia saranno le forze dell’ordine a fare chiarezza su quanto è avvenuto”.

    Simone Lo Presti

    About the author: Simone Lo Presti

    Ho iniziato a scrivere per Generazione Zero nell'aprile del 2011 spinto dal bisogno e dal coraggio di guardare il mio territorio con occhi curiosi mai paghi delle belle parole, ma desiderosi di osservare i fatti. Ho imparato, così, che un buon giornalista deve stare dentro la notizia e raccontare i fatti da quella prospettiva.

    Aggiungi commento