Migranti, giovani, precari, ambiente|domenica, Marzo 7, 2021
Ti trovi qui: Home » Lavoro » Fame di giustizia: gli agricoltori in sciopero della fame

    Fame di giustizia: gli agricoltori in sciopero della fame 

    Tempo di lettura: 3 minuti

    Sciopero della fame

     

    Ha la voce velata da un po’ di stanchezza, Tano Malannino, quando risponde al ricevitore. D’altronde è in sciopero della fame da sette giorni e, anche se si sente carico, non può che essere provato. Nel loro presidio di Vittoria, bevono the, acqua, caffè quelli di Altragricoltura, l’associazione nazionale che vuole un’agricoltura dal volto umano. Tano non è solo, con lui ci sono «Cianciulli Maurizio e Messinese Tonino» con il cognome prima del cognome, come all’appello. «La situazione, per come si è messa, ci fa pensare che siamo al punto di non ritorno» dice l’agricoltore dall’altro capo del ricevitore, prima di venire al punto più importante della faccenda: «Se ci muoviamo, potremmo dare una svolta a livello sociale». Perché questa non vuole essere una protesta di una parte ghettizzata della società. Non vuole essere solo la lotta contro lo sfruttamento del lavoro contro l’arricchimento di qualcuno. Per spiegarne l’aspirazione, Tano usa una metafora: prima «Liccaumu a sarda (lett. “Leccavamo la sarda”)», che in questo caso sta ad indicare la situazione di chi può accedere minimamente alla soddisfazione di un bisogno; adesso «Non licchi più neppure la sarda». Quantomeno per tornare alla situazione originaria, bisogna costruire una controproposta. Se poi la si riesce a prendere e mangiare, la sarda, tanto meglio.
    Il nome della piazza è un programma: il «Calvario rappresenta la sofferenza a livello evangelico». Altragricoltura intende legarla alla propria sofferenza, ma anche a quella che dilaga nella società contemporanea. Gli agricoltori hanno montato una serra, nel pieno del tessuto urbano, che, da struttura produttiva, è divenuta luogo d’assemblea. L’11 dicembre è stato montato un presidio medico. Lo stesso giorno, la Giunta comunale di Vittoria si è riunita proprio dentro la serra, il che è inusuale, «Storica, questa cosa» commenta con soddisfazione Tano. La Giunta ha riconosciuto la dignità e le motivazioni della protesta: ne ha assunto le rivendicazioni con una delibera.

     

    Accoglienza delle proposte e piattaforma

    La vicinanza è stata traversale. Il sindaco Nicosia, Pd, ha fatto sentire la propria vicinanza. Il deputato Giorgio Assenza (Pdl) si è impegnato a redigere un’interrogazione all’Ars, che Tano ha sotto gli occhi mentre sta parlando: «E’ come se andassimo noi». Paolo Scarpa Bonazza Buora, presidente della commissione Agricoltura e produzione agroalimentare del Senato ha incontrato il 12 una delegazione dell’associazione, cui facevano parte due contadini, Melfi e Giudice, e il coordinatore nazionale Fabbris. Martedì 18 dovrebbe svolgersi un’audizione ufficiale con i movimenti e i sindaci coinvolti: saranno presenti circa 50 soggetti. Dovrebbe concretizzarsi la possibilità di un’interrogazione ad alcuni Ministri del Governo e al suo Capo. Presso il presidio si è recata pure una rappresentanza del regionale di Rifondazione Comunista.
    La piattaforma degli agricoltori si snoda principalmente attorno a due questioni. La prima è l’assunzione della tutela dell’azienda da parte del governo, secondo la concezione che questa sia il fulcro della sovranità alimentare. La seconda è la certezza del reddito in agricoltura, che la grande finanza avrebbe eroso nel tempo.
    «Altragricoltura ha già da tempo aderito al comitato No Muos»: i contatti tra le due proteste sono innegabili. Inoltre, pochi giorni addietro Altragricoltura è stata al liceo scientifico Cannizzaro, occupato dagli studenti. Oltre a queste connessioni, c’è un generale clima di vicinanza, nella città che è una capitale nazionale dell’orticultura: a trovare gli scioperanti sono venuti «Tutti i preti della città di Vittoria». La centralità di questa protesta la spiegherebbe bene l’arresto di tre Casalesi a Vittoria nel 2010 e il volume d’affari illegale che portò a galla l’inchiesta “Sud Pontino”.
    I manifestanti hanno messo su un albero di Natale con un arancio morto, addobbato con prodotti agricoli. Vicino ad esso, una piccola pianta verde, che simboleggia la speranza. E la notte? «La notte, certo, fa freddo». Ma ci sono le coperte per sopportarlo.

     

    Giulio Pitroso

    About the author: Giulio Pitroso

    Giulio Pitroso, nato nel 1989 a Ragusa. Laureato in Lettere Moderne a Catania, in Culture Moderne Comparate a Torino. Ha collaborato con Il Clandestino con Permesso di soggiorno, Sciclipress, IlMegafono.org. Ha diretto dalla sua fondazione Generazione Zero Sicilia fino al luglio 2012. Dallo stesso anno è presidente di Generazione Zero. I suoi articoli sono stati ripresi su Liberainformazione e i Siciliani giovani.

    Aggiungi commento