Migranti, giovani, precari, ambiente|domenica, Marzo 7, 2021
Ti trovi qui: Home » La montagna di merda » Smembrata la Catturandi di Palermo

    Smembrata la Catturandi di Palermo 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Avete presente le immagini delle catture dei vari latitanti scovati in casolari e sperdute campagne del territorio siciliano? Questi uomini “d’onore” sono serrati da uomini incappucciati che grazie a un duro lavoro di squadra hanno soldato l’ultimo colpo alla mafia siciliana. Bene, loro sono gli agenti dell’ottava sezione della squadra mobile di Palermo, la “Catturandi”.
    Grazie a uomini come loro e alla sinergia tra la magistratura e le forze di polizia, sono stati trovati ed arrestati boss del calibro di  Giovanni Brusca, Pietro Aglieri, Carlo Greco, Vito Vitale, Salvatore e Sandro Lo Piccolo, Bernardo Provenzano, e di recente Domenico Raccuglia e Gianni Nicchi.La Sicilia come tutta l’Italia ha bisogno di questi uomini d’onore che svolgono il loro lavoro nella piena osservanza del dovere e rischiando la vita.

     

    SIAP

    Il SIAP, Sindacato Italiano Appartenenti Polizia, lo scorso 26 novembre ha annunciato lo smantellamento della sezione Catturandi di Palermo con una lettera aperta.  Il gruppo è stato ridotto a 10 unità a causa dello spostamento in altri incarichi di 8 agenti. La Questura e la Squadra Mobile  hanno affermato che data la mancanza di latitanti in circolazione ad eccezione di Matteo Messina Denaro, lo smembramento ne è una conseguenza. Giusto e doveroso sarebbe stato potenziare la squadra per permettere di lavorare meglio al ritrovamento del boss trapanese che, dopo la cattura di Provenzano, ha assunto il potere della cupola. Ma la crisi tocca anche questo settore, preminente nell’anti-mafia.
    Il SIAP si è sentito offeso e insultato dalla decisione e tramite la lettera ha reso noto il suo disappunto. È una mossa che non ha nessun valore strategico se non quello di diminuire la lotta alla mafia.
    La notizia di primaria importanza purtroppo non ha avuto il giusto riguardo, poca è stata l’attenzione rivoltavi dai media. L’appello della SIAP è stato letto e divulgato nella trasmissione “Forum” da  Rita Della Chiesa e forte è stata l’onda mediatica su Facebook. Immediata è stata la solidarietà da parte delle associazioni anti-mafia.
    È stata anche aperta una petizione sul sito actvism.com.
    Tutti noi possiamo firmare spendendo qualche minuto della nostra vita per una causa che vale la vita di tutti noi.

    Federica Monello

    About the author: Federica Monello

    Sono una studentessa di Lettere Moderne con la passione per la scrittura. I primi articoli li ho pubblicati su un sito d'informazione locale www.i4canti.it. Nell'aprile 2012 inizio la collaborazione con GZ che mi ha permesso di poter esplorare i vari campi del giornalismo, dal dossier storico, a uno tutto mio sulla street art e la cultura underground. Mi sono anche cimentata in articoli dal carattere prettamente politico e la cosa mi entusiasma. Base del mio agire è la volontà di raccontare a quante più persone possibili ciò che succede intorno a noi nel modo più chiaro e veritiero. "Io ho un concetto etico del giornalismo. Ritengo infatti che in una società democratica e libera quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società". Federica Monello

    Aggiungi commento