Migranti, giovani, precari, ambiente|mercoledì, agosto 5, 2020
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » Replica alla denuncia di occupazione e danneggiamento notificata ad uno degli occupanti

    Replica alla denuncia di occupazione e danneggiamento notificata ad uno degli occupanti 

    Tempo di lettura: 1 minuto

    Si è appena svolta la conferenza stampa al Teatro Garibaldi Aperto prontamente convocata per rispondere alla denuncia di occupazione e danneggiamento notificata ieri pomeriggio ad uno degli occupanti del Teatro. Ancora una volta, il Teatro é costretto a confrontarsi non su un piano culturale, politico e sociale, ma a dovere prestare attenzione a quanti, con un atto formale come una denuncia, cercano di spostare l’attenzione ad un ambito esclusivamente repressivo, dimenticandosi della natura politica dell’azione stessa. Ancora una volta Palermo detiene il triste primato in termini repressivi: questa è infatti la prima denuncia che viene notificata, ad un movimento di respiro nazionale, facente parte dalla rete di spazi occupati legati al mondo della cultura, come il Teatro Valle e il Nuovo Cinema Palazzo di Roma, il Teatro Coppola di Catania, l’esperienza milanese di Macao, il Teatro Marinoni e il Sale Docs di Venezia.

     

     

    A questo replichiamo dicendo che un’esperienza come quella del Teatro Garibaldi Aperto, che ha visto e vede la costante partecipazione ed il coinvolgimento della cittadinanza palermitana, e che esprime delle istanze collettive di emergenza sociale, non può essere trattata come una mera questione di ordine pubblico. Il Teatro pone piuttosto l’attenzione su una faccenda di reale gravità sociale e culturale, come l’impunità di certi meccanismi politici che permettono la chiusura decennale di decine e decine di spazi pubblici sottratti al legittimo uso della cittadinanza, soprattutto di fronte all’evidente sfacelo sociale e culturale nel quale versa da decenni la città di Palermo. Se c’è un reato, il vero reato e i veri responsabili rimangono coloro che permettono di tenere chiusi i teatri e tutti gli spazi sociali.

     

     

    Teatro Garibaldi Aperto

     

    Aggiungi commento