Migranti, giovani, precari, ambiente|giovedì, Ottobre 22, 2020
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » L’IdV- Muos e compatibilità con l’aeroporto di Comiso

    L’IdV- Muos e compatibilità con l’aeroporto di Comiso 

    Tempo di lettura: < 1 minuto

    Facendo seguito al comunicato stampa del 27 marzo 2012 e all’interrogazione parlamentare presentata dal gruppo di Italia dei Valori al Senato su richiesta del capogruppo in Consiglio Provinciale Giovanni Iacono,  si comunica altresì che il Consiglio Provinciale ha approvato, all’unanimità, la mozione presentata dal consigliere Nicosia Ignazio e la mozione presentata dalla sesta commissione ambiente che  su proposta del Consigliere Giovanni Iacono componente la commissione, ha fatto propria, integralmente, l’interrogazione avanzata dallo stesso all’Amministrazione Provinciale nel mese scorso. Durante il Consiglio Provinciale il nostro capogruppo, pur apprezzando che il Presidente della Provincia e l’Assessore all’Ambiente si erano formalmente adoperati per richiedere le informazioni chieste nell’interrogazione da lui presentata,  ha stigmatizzato   la mancata risposta scritta ai quesiti chiari e risolutivi posti nell’interrogazione stessa evidenziando che ancora ad oggi non ha ricevuto il riscontro formale e scritto. Iacono nel suo articolato intervento ha ripercorso la storia  dell’installazione nel sito di Niscemi dei 40 trasmettitori a sistema elicoidale Uhf di varia grandezza e potenza evidenziando perplessità per i possibili rischi alla salute  per la popolazione vicina al sito e, “per quanto di competenza della Provincia di Ragusa, il potenziale pericolo per la futura installazione del MUOS con l’aeroporto di Comiso e non tanto per la salute perché in condizioni normali il fascio di onde elettromagnetiche emesse dal MUOS dovrebbe essere alto e fuori anche dalle rotte aeree ma per la possibilità, purtroppo da non poter escludere in assoluto, di eventi calamitosi e/o sismici che potrebbero produrre un puntamento errato anche di una sola delle tre antenne con conseguenze devastanti a partire dai possibili aerei che ne verrebbero investiti.”. La fondatezza di tali perplessità, ha spiegato Iacono leggendo copie di documenti ufficiali, “è data dal cambio di sito tra l’originario Sigonella e il finale Niscemi “.
    About the author: Giulio Pitroso

    Giulio Pitroso, nato nel 1989 a Ragusa. Laureato in Lettere Moderne a Catania, in Culture Moderne Comparate a Torino. Ha collaborato con Il Clandestino con Permesso di soggiorno, Sciclipress, IlMegafono.org. Ha diretto dalla sua fondazione Generazione Zero Sicilia fino al luglio 2012. Dallo stesso anno è presidente di Generazione Zero. I suoi articoli sono stati ripresi su Liberainformazione e i Siciliani giovani.

    Aggiungi commento