Migranti, giovani, precari, ambiente|giovedì, Ottobre 22, 2020
Ti trovi qui: Home » Comunicati stampa » Concorso esterno per Lombardo- Il Prc si pronuncia

    Concorso esterno per Lombardo- Il Prc si pronuncia 

    Tempo di lettura: < 1 minuto

    Dichiarazione di Antonio Marotta e Mimmo Cosentino, segretario regionale e segreteria regionale del Partito della Rifondazione Comunista.

     

    Lombardo annunci immediatamente le sue dimissioni, il PD  prenda atto del fallimento del governo regionale.

     

     

    La decisione del gip di Catania  di formulare l’imputazione coatta per concorso esterno  alla mafia e voto di scambio,  respingendo la richiesta di archiviazione della Procura, per il governatore siciliano Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo, deputato nazionale del MPA, sembra confermare il giudizio politico da noi più volte espresso in merito agli intrecci che legano borghesia mafiosa e ceti politici.

    La regione Sicilia non può essere governata da quanti hanno avuto contestato dalla magistratura rapporti con esponenti della criminalità mafiosa, come documentato  dalla inchiesta Iblis.

    E’ necessario riconsegnare credibilità alla istituzione Regione così come a tutte le Amministrazioni territoriali, per  scongiurare una drammatica rottura del rapporto democratico tra società e istituzioni.

    Il Partito democratico ritiri immediatamente  l’appoggio a Lombardo ed il suo gruppo dirigente. Il PD si faccia una ragione del definitivo fallimento del suo progetto di governo regionale e della possibilità di estendere direttamente o indirettamente tale coalizione di governo anche alle prossime  amministrazioni comunali chiamate al voto in Sicilia.

    Chiediamo le dimissioni di Lombardo  per andare celermente al rinnovo dell’Assemblea Regionale.

    La Sicilia ha bisogno di voltare pagina, di avviare una nuova stagione di cambiamento e di alternativa, fondandoli sul bene pubblico e comune, sui diritti di cittadinanza, sulla democrazia e la legalità.

    About the author: Giulio Pitroso

    Giulio Pitroso, nato nel 1989 a Ragusa. Laureato in Lettere Moderne a Catania, in Culture Moderne Comparate a Torino. Ha collaborato con Il Clandestino con Permesso di soggiorno, Sciclipress, IlMegafono.org. Ha diretto dalla sua fondazione Generazione Zero Sicilia fino al luglio 2012. Dallo stesso anno è presidente di Generazione Zero. I suoi articoli sono stati ripresi su Liberainformazione e i Siciliani giovani.

    Aggiungi commento