Migranti, giovani, precari, ambiente|mercoledì, Ottobre 28, 2020
Ti trovi qui: Home » Curiosità » Pi mia chi c’è?

    Pi mia chi c’è? 

    Tempo di lettura: < 1 minuto

    Continua il tira e molla tra il PD e SEL sugli incarichi di sottogoverno.

    L’occupazione da manuale Cencelli va avanti e non sia mai che prima di parlare di cda/presidenze/direzioni si discuta sul futuro dell’Emaia o della Vittoria Mercati srl.

    PPI MIA CCHI CC’E? E’ questa il triste scenario che traspare dai giornali e dalla piazza vittoriese.

    Ci dispiace constatare che da quando SEL è entrata in maggioranza non fa altro che chiedere incarichi, posti, visibilità. Tutto nel nome di un risultato elettorale che gli appartiene solo parzialmente.

    Parlano di AMIU e avviano la crisi, non per le ragioni che scrivono nel loro comunicato, ma perché è arrivato un niet a Pollara presidente dell’Emaia. Invitiamo i dirigenti di SEL ad uscire sulla stampa al naturale, dicano con tranquillità quali sono le loro esigenze e le loro ambizioni. L’attuale Sindaco, si sa, è sempre molto sensibile alle richieste degli alleati, non è un Aiello qualunque che teneva gli “alleati” a macerare sott’olio come i cetrioli.

    La differenza rispetto a pratiche politiche che sono scillipotiane la si pratica, ed è per questo che da tempo, oltre a ribadire che noi poltrone non ne vogliamo, abbiamo chiesto al Sindaco di chiedere la convocazione di riunioni dedicate al futuro delle municipalizzate. Non abbiamo avuto riscontri.

    Abbiamo pertanto deciso di portare avanti la proposta sul futuro dell’Emaia (che abbiamo lanciato qualche giorno fa con un comunicato stampa) ed incontreremo in questi giorni le associazioni di categoria per esprimere la nostra piattaforma.

    La politica delle indennità ha il dovere di fare un passo indietro rispetto al futuro dell’Emaia e noi ci batteremo per questo.

     

    Vittoria 14.11.2011

    Davide Guastella segreteria cittadina Rifondazione Comunista – Fed. Della Sinistra

     

     

     

     

     

    Aggiungi commento