Migranti, giovani, precari, ambiente|lunedì, febbraio 17, 2020
Ti trovi qui: Home » La montagna di merda » Salvatore Rausa risponde a Generazione- Le minacce contro la legalità

    Salvatore Rausa risponde a Generazione- Le minacce contro la legalità 

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Salvatore Rausa è un consigliere comunale del PRC di Caronia, in provincia di Messina. Ha di recente subito un’intimidazione grave. Alcuni non meglio identificati soggetti hanno tagliato 5 ulivi nella campagna di sua proprietà. Tutto questo è connesso alla sua attività di denuncia come politico locale.

    Partirei da un dato empirico. Cercando su google in svariate maniere, risulta difficile trovare notizie sull’atto di intimidazione che ha subito. La riportano solo alcuni media cittadini o della provincia di Messina. Il modo più semplice per trovare notizie è andare sul sito del PRC regionale. Secondo lei si sta cercando di oscurare questa storia?
    Non credo, credo piuttosto che in questo periodo di crisi, il mio, seppur grave rappresenti un piccolo episodio, comunque da non sottovalutare poiché si sviluppa in un contesto d’intimidazione mafiosa ai danni di un esponente politico di sinistra che si è sempre distinto per la sua continua ricerca di legalità. Già negli anni Ottanta, consigliere ed assessore del PCI nel comune di San Fratello sono stato vittima di minacce mafiose.

    Perché il suo lavoro da consigliere l’ha esposta a questi rischi?
    Persone per le quali la legalità non esiste, tacitamente autorizzate dal silenzio assenso di amministratori corrotti ed a volte collusi, quindi facilmente ricattabili. Non vedono di buon occhio chi denunzia fatti e misfatti.

    Le Istituzioni le sono state vicine?
    Apparentemente lo sono state, ma non credo che facciano salti mortali alla ricerca del o dei colpevoli. Credo piuttosto che la mano destra non sappia cosa faccia la sinistra. Ho avuto l’impressione di un conflitto d’appartenenza tra organi dello stato.

     

    Che cosa ha deciso il consiglio comunale straordinario, che si è tenuto dopo l’intimidazione?
    Nulla è stato deciso dal consiglio comunale se non la solidarietà espressami. Anzi la mozione che secondo me ha dato il via a questo episodio è stata respinta dalla maggioranza. La mozione di cui ero il relatore riguardava casi di occupazione abusiva e relativa chiusura e piantumazione di strade e terreni di proprietà comunale.

    Intervista di Giulio Pitroso

    About the author: Giulio Pitroso

    Giulio Pitroso, nato nel 1989 a Ragusa. Laureato in Lettere Moderne a Catania, in Culture Moderne Comparate a Torino. Ha collaborato con Il Clandestino con Permesso di soggiorno, Sciclipress, IlMegafono.org. Ha diretto dalla sua fondazione Generazione Zero Sicilia fino al luglio 2012. Dallo stesso anno è presidente di Generazione Zero. I suoi articoli sono stati ripresi su Liberainformazione e i Siciliani giovani.

    Aggiungi commento